Immagini materiale rotabile

 

Railway carriage screenshots

Copyright (c) 2007 by Roberto Benini - robertobenini@libero.it

 

 

 

 

Indietro

 

 

Elettromotrice: FEVF A1, A2, A3

  • Costruttore: parte meccanica Carminati e Toselli;    parte elettrica T.I.B.B.

  • Alimentazione 2600 Volt corrente continua

  •  Anno Costruzione: 1929

  •  Rodiggio: Bo Bo

  • Freni: a vuoto e a mano

  •  Motori: 4 da 80 Kw orari ciascuno

  •  Lunghezza: metri 15,4

  • Velocitą massima: 60 km/h

  • Peso in servizio: 35,6 tonnellate

  • Posti a sedere: 36 (12 di Prima e 24 di Seconda)

  • Colore esterno: giallo rosso

  • Scartamento: 1 metro

  • Cedute nel 1963 alla FGC - Ferrovia Genova Casella dove sono tuttora in funzione

Locomotore FEVF B51, B52

  • Costruttore: parte meccanica Carminati e Toselli;   parte elettrica T.I.B.B.

  • Alimentazione 2600 Volt corrente continua

  •  Anno Costruzione: 1929

  •  Rodiggio: Bo Bo

  • Freni: a vuoto e a mano

  •  Motori: 4 da 80 Kw orari ciascuno

  •  Lunghezza: metri 10,9

  • Velocitą massima: 60 km/h

  • Peso in servizio: 39 tonnellate

  • Colore esterno: due tonalitą di verde

  •  Scartamento: 1 metro

  • Cedute nel 1963 alla FGC - Ferrovia Genova Casella dove sono tuttora in funzione

Locomotiva tender Henschel & Sohn a doppia espansione sistema Mallet

  • Costruttore: Henschel & Sohn di Kassel, Germania

  •  Anno Costruzione: 1916

  • Rodiggio: 1 C C t

  • Potenza: 600 cv circa

  • Sforzo di trazione: 7900 kg

  •  Lunghezza: metri 10,90

  • Velocitą massima: 40 km/h

  • Peso a vuoto:   43,5 tonnellate

  • Peso in assetto di servizio: 53 tonnellate

  • Peso assiale: 7,9 tonnellate

  • Capacitą acqua; m3 6

  • Capacitą cassa carbone: m3 2,8

  • Diametro ruote motrici: 800 mm

  • Scartamento 760 mm  (elevato a 1 metro nel 1929 per la 6036 e la  6046) 

Locomotore da manovra a 2 assi

  • Costruttore: Brown Boveri

  • Anno Costruzione: 1930

  • Potenza: 2 motori da 12 kW

  • Velocitą massima: 6,5 km/h

Acquistato nel 1941 dalla Societą delle Cave di marmo di Lasa in Val Venosta, e trasformato dall'alimentazione a batterie a quella a pantografo, venne utilizzato per le manovre nello scalo di Ora. Nel corso della seconda guerra mondiale, a seguito dei pesanti bombardamenti aerei effettuati dagli Anglo-Americani, fu trasferito temporaneamente alla stazione di Predazzo.

Non se ne ha alcuna notizia.

 

Indietro

 

Copyright © 2006-2007 by R. Benini